Segreti e ipocrisie
In evidenza,  Le mie letture,  Life is Pink

“Segreti e Ipocrisie” di Sveva Casati Modignani

In libreria da fine settembre 2019, Segreti e Ipocrisie di Sveva Casati Modignani è un secondo volume che in realtà, a mio avviso, può essere letto senza il supporto del precedente capitolo. 

Come da abitudine, terminata la lettura di un nuovo libro, e non prima, vado a curiosare tra le recensioni pubblicate in merito. Ho fatto la stessa cosa anche questa volta, con Segreti e Ipocrisie di Sveva Casati Modignani. Quello che ho trovato, oltre gli elogi, sono precisazioni sul fatto che si tratta di un secondo volume – il sequel di “Festa di famiglia” – per alcuni rivelatosi anche abbastanza deludente per il finale aperto; l’ennesimo.

Tornando alle “polemiche” citate all’apertura di questa recensione di Segreti e Ipocrisie, io sono di tutt’altro avviso rispetto a molti colleghi blogger: credo che questo nuovo romanzo di Sveva Casati Modignani, per quanto legato al precedente volume “Festa di famiglia”, non richieda davvero l’aver letto il primo capitolo – che comunque vi consiglio di leggere – in quanto le descrizioni dei personaggi e delle loro vite, o del loro passato, così come del loro carattere o caratteristiche sono abbastanza approfondite da far risultare Segreti e Ipocrisie un libro a sé.

Segreti e IpocrisieLo stile narrativo di Sveva Casati Modignani è coinvolgente, incuriosisce il lettore fino a farlo divenire avido di carpire quante più informazioni. 

Segreti e Ipocrisie è un romanzo corale, ovvero narra le vicende di più personaggi tutti in egual misura protagonisti. La lettura non richiede molte ore per essere portata al termine, ma è oltremodo trascinante ed è proprio così che mi sono sentita molto presto, già dai primissimi capitoli: trascinata in tutte queste realtà, storie di famiglia che presentano elementi che ognuno di noi potrebbe cogliere anche nella propria.

È vero, non c’è un finale “definitivo”, anzi, svoltata l’ultima pagina si percepisce la mancanza di qualcosa.

La voglia di sapere di più, di scoprire cosa ne faranno delle proprie esistenze le quattro donne protagoniste, se andranno fino in fondo alle nuove consapevolezze o se torneranno sui propri passi, è quello che rimane dopo aver letto l’ultima pagina del nuovo romanzi di Sveva Casati Modignani. Questo, però, per quanto mi riguarda non si traduce in delusione per il mancato punto conclusivo, bensì in curiosità e attesa dei prossimi volumi. Due, a quanto mi ha confermato la stessa autrice, per i quali non c’è ancora la data ufficiale per la pubblicazione.

Non ci resta che attendere, dunque. Intanto, vi consiglio di intraprendere questa lettura perché davvero molto realistica, moderna, vicina a chiunque di noi per un aspetto o per un altro. Tante volte mi sono ritrovata a pensare, “Ah! Questa scena mi ricorda qualcosa. Un fatto che mi è accaduto pressappoco con le stesse modalità”, o qualcuno. E poi, come si suol dire, un libro può essere definito “un buon libro” quando dopo aver girato l’ultima pagina si avverte una mancanza, come se ci avessero portato via un amico caro al quale ci eravamo tanto legati.

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *