La verità è che non ti odio abbastanza
In evidenza,  Le mie letture,  Life is Pink

Recensione: “La verità è che non ti odio abbastanza” di Felicia Kingsley

Promesse mantenute con atroce ritardo! Vi avevo parlato mesi fa di questa nuova pubblicazione di Felicia Kingsley, avvenuta in realtà lo scorso novembre, il libro l’ho letto in anteprima e ho pubblicato la recensione sul sito TrattoRosa.it come sempre tempestiva, ma sono stata assorbita dalla stesura del mio nuovo romanzo ed è il mio blog personale a risentirne come tutte le volte.

Bando alle ciance, vi parlo de “La verità è che non ti odio abbastanza” riportando parte della recensione che ho già pubblicato sul sito di cui sopra.

Partiamo da una frase fondamentale: “Se non esci dai tuoi quadrati, non troverai mai la soluzione ai problemi!”. Una citazione intorno alla quale ruota, a mio avviso, ogni evento narrato in “La verità è che non ti odio abbastanza”. Siamo tutti concentrati a guardare dentro ai nostri quadrati, imposizioni, confini, persuasioni che ci sono state inculcate dalla società in cui viviamo ma che in realtà non esistono. Siamo noi a vederli perché vogliamo, perché ne siamo convinti per un motivo o per un altro, ci fanno sentire al sicuro, tuttavia è abbattendo queste barriere invisibili che spesso si vede per davvero qualcosa, o qualcuno, per quello che è. I quadrati ci rendono ciechi… 

La verità è che non ti odio abbastanzaIn “La verità è che non ti odio abbastanza” non manca niente!

L’autrice ha salde le redini della trama e non esistono buchi o incongruenze, non rimane alcun dubbio dopo il finale. Questa volta, poi, la storia, con la complicità delle indagini, è stata arricchita da sfumature tipiche di un poliziesco ma con una fortissima carica sensuale, data dall’attrazione tra i due protagonisti sempre più palpabile, tuttavia il contatto sarà quantomai agognato.

Felicia Kingsley ci presenta in pricipio due protagonisti, Eric e Lexi, con una identità caratteriale ben definita. Molto nei quadrati, ognuno i propri e diametralmente opposti. Protagonisti che affronteranno un percorso di crescita tosto: eventi nei quali forse riuscirete a identificarvi, perché realistici. Un percorso che porta a nuove consapevolezze che scoprirete da soli, durante la lettura di questo nuovo romanzo.

Non una storia banale, dunque, quella raccontata da Felicia Kingsley. La dimostrazione che un romanzo rosa non è soltanto “la storia d’amore” ma può contenere messaggi importanti, validi spunti su cui tutti dovremmo riflettere, come: l’importanza della beneficenza verso chi è meno fortunato, la prevenzione, l’integrità morale, l’invito a non soffermarsi all’apparenza.

Se siete curiosi di leggere la mia recensione nel dettaglio, la versione integrale, la trovate su www.trattorosa.it Potete leggere anche gli altri miei articoli seguendo questo link: https://www.trattorosa.it/author/cinzia-la-commare/

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *